Categories
Flash

Socialbar – Google Friend Connect – Facebook Connect e altre amenità

Come avrete sicuramente notato ho eliminato la socialbar di Google. Era invasiva e brutta da vedere. Ho lasciato il widget a lato che è più che sufficiente. Inoltre ho introdotto Facebook Connect, più per curiosità che per altro.

Se a qualcuno fa piacere può usarlo.

Che altro dire, scrivo poco, lo so. Ma quando non ho niente da dire, preferisco non dire niente.

Categories
Amici

La sera dopo il dì di festa

In questi giorni mi passano mille post per la testa, ma non me li appunto da nessuna parte e scivolano via.
Cosa sta succedendo alla parte di rete che frequento? Tante cose, grandi e piccole, che messe insieme creano delle tempeste in bicchieri d’acqua e terribili apocalissi silenziose.

Oramai tutti i miei amici di feed hanno un tumblr e dividono le stupidate dalle cose serie, ma io serio non sono mai stato e quindi preferisco mantenere tutto insieme.

Come vi sarete accorti questo un post di spigolature senza capo ne coda, pieno di refusi e ripetizioni, senza pretese ma che merita di essere scritto. Spero anche letto.

In queste settimane il Dr. Pruno la fa da sovrano, colpendo a destra e a manca rendendo la rete ancora più meritevole di essere vissuta. Un paio di amici sospetta di me, mi farebbe piacere che avessero ragione, ma si sbagliano.

Così come mi rammarico di non essere dietro alle meravigliose poesie di Mimma. Roba da sbellicarsi dal ridere, soprattutto quando si torna all’originale.

E poi c’è bloghella2000. Che meno violenta di Rectoverso prende in giro alcuni abitanti della rete. Ma così soavemente da sembrare più un incoraggiamento che una presa in giro.

Ieri sono rientrato dalla due giorni urbinate e oggi in rete ci sono mille mila foto. Solita storia. La malinconia del giorno dopo è forte.

Dicono che siamo leggeri, in un momento di crisi. Meglio così, sarebbe stato peggio essere seri in un periodo tranquillo.

Questo post volge al termine.

Anzi è finito.

Categories
spigolature

Spigolature

Se in un negozio vedi un oggetto, per esempio una tazza, che ha un cartellino ambiguo, per esempio 210, e non riesci a capire se significa due euro e dieci o duecentodieci euro ed entrambi sono probabili, allora è quasi certo che uno indica il valore e l’altro il prezzo, rispettivamente.

Oggi ero in banca quando un signore anziano ha superato una ragazza di colore in fila, andandosi a sedere davanti all’impiegata. Allora l’impiegata gli ha detto che la ragazza era prima di lui e lui ha dapprima inventato scuse riguardo a chi era arrivato prima e poi ha dichiarato di essere più anziano e quindi meritevole di una maggiore priorità nello sbrigare le commissioni. A quel punto l’impiegata lo ha lasciato seduto li, spostandosi di scrivania e servendo prima la ragazza sorridente. Adoro quando i piccoli Borghezio vengono trattati a pesci in faccia.

Quicksilver è la migliore utility per MAC. Ever!

Mi sono visto tre film che da noi devono ancora uscire.
Don’t mess with the Zohan (con Adam Sandler): 9+
Kung Fu Panda: 7 1/2
The Onion Movie: 8

Guardo Beautiful in tv a spizzichi e bocconi mentre pranzo con mia nonna. Vedo tipo un quarto di puntata ogni 3 giorni e lo riesco a seguire perfettamente. Inoltre rido come un cretino ogni volta che sento Ridge che dice “ti amerò per sempre”. In quel “per sempre” c’è qualcosa di terribilmente comico e drammatico insieme. Come le sue rughe. Oggi consideravo che se quando hanno iniziato a trasmetterlo gli attori come Ron Moss avevano tipo 30 anni adesso dovrebbero averne una sessantina. E infatti li portano tutti, ma continua il mulinello ingroppereccio tra di loro. Tra un po’ litigheranno la proprietà dei cateteri e delle dentiere.

Basta spigolature, che è tardi e domani vado al mare. Mi piace sempre sottolinearlo per i miei amici milanesi. Che so che apprezzano di brutto brutto brutto.

(pen)ultima spigolatura: stasera ero con Orso (il mio amico lurker) e ad un certo punto un tizio ha detto: “valà valà valà!!!” E noi due all’unisono “let’s go, let’s go, let’s go!!!” (imitando un famoso sketch di Aldo giovanni e Giacomo). La mia ospite americana non ha capito what the hell c’era da ridere. Ma fa niente.

Se non hai presente lo sketch in questione (4′:18”) la precedente spigolatura ti scivolerà addosso come una promessa di matrimonio di Ridge Forrester.

Categories
Filosofia

Spigolature

Dopo molto tempo torno con un post di varie ed eventuali, senza un filo logico. Un po’ di fatti miei sparpagliati in tanti pezzettini.

In questo periodo sto tenendo un corso di GNU/Linux e faccio una lezione a settimana da 4 ore. Parlare per 4 ore di questioni tecniche è un delle cose più stancanti che io abbia mai fatto. A parte lavorare, intendo.

Uscendo dal corso alle 18 me ne sono venuto in spiaggia e adesso scrivo con i piedi nella sabbia e la brezza del mare nei polmoni. Questa l’ho scritta per i miei amici milanesi. So che apprezzate.

Dal 2010 sarà obbligatorio apporre l’impronta digitale sulla carta d’identità. Ridicolo pensare che sia questo a limitare la nostra privacy o determini la nostra schedatura. Tutto questo porterà solo una barca di nostri soldi nelle tasche di chi vince gli appalti per la fornitura delle costosissime apparecchiature di rilevamento. La schedatura è già in atto da tempo. Ognuno di noi ha un telefonino in tasca che raccoglie tutto, dalla nostra posizione geografica al grafico delle nostre relazioni sociali.

Rodotà è stato il miglior Presidente dell’Autohority per la protezione dei dati personali che abbiamo mai avuto. Punto.

Non capisco perchè tutti parlano di Iphone 3G come se stessero affrontando i grandi problemi dell’umanità. Inoltre tutti a scrivere perchè comprarlo o perchè non comprarlo.

Sempre meno blogger agli eventi. L’hype è finito. La gente ti invita ma non ti paga (alcuni si) e quindi molti si sono stufati di andare in giro per niente. Altri si accorgono che le aziende che ti invitano non hanno proprio niente da dire.
Poi le aziende si accorgono che la definizione “blogger” contiene tutto e niente. E l’impato dei blogger è sempre difficilmente misurabile. Così iniziano a coinvolgerli solo su commissione e solo con obiettivi.
Per quanto mi riguarda è meglio perchè il mio blog non è in vendita. Nè per un tramezzino, nè per soldi. Così preferisco offrire un prodotto, che sia parola scritta su commissione, che sia video per un cliente.

Su questo argomento tornerò presto, perchè adesso mi continuo a godere la brezza marina.

Eluana la stacchiamo o no? Chiedetelo al padre, non al prete.

L’ex boss di Guru è al gabbio. Salta fuori che è in astinenza da coca. Chi l’avrebbe mai detto?

Oggi diverse persone si sono congratulate con me o mi hanno chiesto informazioni sul fatto che il Milan si è comprata un nuovo giocatore. Che senso ha parlarne con me che non so neanche come funziona un giocatore di calcio? boh.

Esteticamente non cambia nulla ma l’aggiornamento a WordPress 2.6 è avvenuto con successo.

Categories
Amici FrontPost Geek Humor intruders.tv spigolature

Momenti di vita vissuti durante la tre giorni romana

E anche questa trasferta romana è passata, con tutti gli strascichi del caso.
L’elenco linkato dei partecipanti lo trovate in tantissimi altri posti, io mi limiterò a qualche episodio sporadico, degno di nota.

Pandemia con la lingua di pietra

Primo nelle classifiche e primo nel chi guida peggio, Luca Conti è stato primo anche nella lista insanguinata di chi poteva fare le domande ad Al Gore. Solo che a metà domanda la sua lingua si è tramutata in pietra facendo piombare il teatro nel gelo più agghiacciante. Solo la maestria di Montemagno e il miracolo della favella ritrovata hanno riportato tutto alla normalità.
Un attento moviolone notturno, mi ha rivelato il mistero di tale fenomeno di pietrificazione linguale. Luca Conti aveva posto una domanda diversa, per costrutto grammaticale, da quella apparsa sul maxischermo durante la sua enunciazione, facendogli perdere il filo, ritrovato dopo quei lunghi istanti silenti.

Le videocamere non possono entrare

Appena giunti all’Ambra Jovinelli, un energumeno taurino mi ha impedito l’accesso, dicendo che non erano permesse videocamere all’interno del teatro. Solo l’intercessione dell’ufficio stampa ha permesso l’accesso al mio strumento di ripresa. E a quello di tutti gli altri. Ma davvero pensavate di avere dei blogger e non ammettere le videocamere? Che pretese assurde…

La sfida del secolo

Dopo giorni e giorni di riflessioni non so ancora dire se vincesse la cravatta di Tessarolo o gli stivali di Al Gore. Una sfida all’ultimo brivido!

Il kebab più unto della storia

Dopo il pomeriggio in teatro, Livia, Alessio, Marco, Giorgio ed io ci siamo recati dal kebabbaro di fiducia di Livia. Mai mangiato un kebab più lurido e unto nella mia vita. Se faccio esclusione di quello assaporato con Alessio e Stefano, tra i vicoli di Montmartre in occasione di “Le Web 07”. Dev’esserci una correlazione tra gli eventi tech e il kebab bisunto; indagherò più a fondo su questo fenomeno…

In taxi fino all’EUR

Dalla stazione Termini fino all’EUR si è discusso come Guido Arata, fosse non solo il più giovane di tutti noi, ma anche il più quotato. Ovviamente si sono sprecate frasi tipo “potresti essere mio figlio”, “io alla tua età giocavo con i soldatini” ecc. Tutte frasi sintomo di quanta invidia fosse concentrata in quel taxi della capitale.
Ad un certo punto Guido ha ammesso candidamente che il giorno successivo sarebbe dovuto andare a scuola, ma partecipando alle nostre scorribande avrebbe probabilmente saltato le lezioni. Il taxista ha prontamente sottolineato che quando aveva 18 anni si faceva “certe seghe”… Tutti abbiamo concordato su questo punto, ammettendo anche noi le nostre antiche abitudini di diciottenni. Solo dopo 15 minuti ho capito che “segare” in romanaccio sia sinonimo di “fare sboccia” in romagnolo, cioè saltare la scuola.

Categories
Amici FrontPost Humor Links spigolature

Bagno Wave – Vogliamoci male

wave1.jpg

La settimana scorsa scrivevo della pessima esperienza in un locale milanese e oggi mattina sono andato a rileggere, a distanza di mesi, quello che successe ad Elena la scorsa estate. Lei ricevette un pessimo servizio in uno stabilimento balneare e ne scrisse sul suo blog. In poche ore google le fece superare il sito del bagno wave in fatto di importanza.

Ricordo che sei mesi fa il sito del bagno wave era graficamente approssimativo e male indicizzato. La gestione deve aver capito l’importanza della propria immagine sul web ed è corsa ai ripari. Adesso il sito è sempre indicizzato male ma si vede che hanno speso dei soldi per renderlo più bello.

Soldi spesi male, a mio giudizio, perchè il livello di tamarraggine (tamarreria, tamarritudine) è salito a dismisura. Inoltre ad accogliere il visitatore c’è un’animazione flash che è considerata obsoleta fin dai trattati lateranensi. Ma non finisce qui, al visitatore è successivamente chiesto di cliccare sulle parti private di una ragazza. Non sto qui a fare una menata femminista perchè la mia barba me lo impedisce, ad ogni modo il cattivo gusto è assicurato. Provare per credere.

Categories
FrontPost Geek spigolature Video

delirio geek – Le torri di Hanoi

La leggenda vuole che in un tempio indù ci siano alcuni monaci che spostano costantemente tre dischi di oro su tre colonne di diamante. I dischi sono di diversa dimensione e un disco non può mai essere posto sopra un disco più piccolo. I monaci devono spostare 64 dischi e quando completeranno il lavoro il mondo finirà. Wikipedia racconta questa storia molto meglio di me.

Ci sono due ragioni per non temere questa leggenda, la prima ragione è di tipo matematico. Spostando un disco al secondo i monaci impiegherebbero 18.446.744.073.709.551.615 secondi, cioè 5.845.580.504 secoli per completare il lavoro. Saremmo abbondantemente morti e sepolti prima di quel giorno. Inoltre il sole ci avrà già fagocitati in una immensa gigante rossa.

La seconda ragione è molto più semplice: è una leggenda palesemente inventata.

Nel frattempo io mi sollazzo con la versione IPod Touch di Towers of Hanoi e devo dire che me la cavo piuttosto bene.

Questo è il filmato del mio attuale record (19° posto al mondo nelle ultime 24 ore).

Categories
FrontPost spigolature

Spigolature

Torna la rubrica sconclusionata che riassume alcune idee troppo piccole per un post tutto loro e troppo grandi per essere dimenticate.

Radiohead

Ho comprato e scaricato l’ultimo album dei Radiohead. Mi piace e ogni tanto lo ascolto. L’ho pagato 5 sterline per incoraggiare questo genere di distribuzione priva di costosi intermediari. Mi fa specie che molti di coloro che elogiavano entusiasticamente la scelta di questo gruppo, adesso dichiarino fallimentare la loro iniziativa. I radiohead sono un gruppo molto conosciuto ma comunque non di massa. Fanno musica ricercata. Sostenere che il modello di distribuzione che hanno scelto questa volta sia fallimentare è solo un modo superficiale di analizzare i dati relativi alle vendite. Davvero qualcuno si aspettava che tutti i download venissero accompagnati da lauti pagamenti contesutali?

Berlino

Berlino è magnifica. L’ho sentito ripetere talmente tante volte che non ci credevo veramente. Poi l’ho vista e mi sono dovuto allineare a questa idea. Ogni cosa al suo posto e tutta l’organizzazione tedesca è orientata ad avere treni in orario e strade pulite. Il tempo è stato poco e molti dei luoghi che avrei voluto visitare li saluterò la prossima volta. Perchè ci sarà una prossima volta, e sarà presto.

Le grandi adunate 2.0

Le grandi adunate 2.0 continuano a piacermi. Nonostante il pranzo fosse sfigato e sostanzialmente non si sia detto nulla i nuovo. Il web 2.0 Expo a Berlino è stato molto divertente e mi ha dato modo di consolidare una serie di rapporti a cui tengo molto. La cricca dei Taliani presenti è stata assai di compagnia.

Peeloo

Ho registrato Peeloo.net che ospiterà il mio nuovo progetto. Tra una decina di giorni farò i primi annunci, successivamente ne saprete di più. Stay tuned

Viaggiare

Viaggiare mi piace, e tanto. Anche quando sono stanco, anche quando sono sfinito, anche quando sono solo. Anche quando sto tornando a casa.

Aeroporti

La mia prassi per superare la barriera di sicurezza negli aeroporti: metto tutto nelle tasche del giubbotto o nelle tasche del bagaglio a mano. Mi tolgo la cintura e l’orologio. Tempo medio di passaggio 25 secondi. Mai nessuna perquisizione, mai nessun problema.
Peccato che prima di me ci sia sempre qualcuno che ha nell’ordine: 12 litri di liquidi suddivisi in flaconi a forma di bomba a mano, coltelli da cucina miracle blade 3 serie perfetta con tanto di sfera accugrip per non perdere il controllo durante i lavori noiosi, mazzetta da muratore con vistosi segni di coltello sul lato, fascette da elettricista, elmetto militare con buco di proiettile, cartuccera da mitragliatore da trincea, mezza scatoletta di cibo surgelato, anfibi militari senza la punta, magnete da frigorifero con la faccia di Bin Laden e la scritta “guida piano pensa a me” in arabo.

Pulizie di novembre

Oggi ho ripulito la lista degli amici su facebook, su adium e su skype. Se siete stati eliminati e ci tenete veramente a far parte dei miei contatti, datemi un valido motivo per reinserirvi, per esempio sapete raccontare le barzellette, e io vi reinserirò volentieri.

Blogbabel

Vi prego di linkare per qualsiasi motivo Elena. In questo modo le facciamo scalare la classifica di blogbabel ed è felice.