Tavola rotonda rettangolare

Questa sera ho preso parte ad una tavola rotonda (rettangolare) il cui tema era “Tutti su Facebook”, all’interno dello spazio dibattiti della festa cittadina del PD di Ravenna. Come giustamente Matteo fa notare, cos’abbia da festeggiare il PD non si sa, tant’è che prende gente come me allo spazio dibattito.

Oltre al sottoscritto Luca SartoRi, c’erano “il guru dei social network” Giovanni Boccia Artieri e la blogger Elena Zannoni.

Tantissima la gente presente e persino una diretta web in streaming disponibile anche on-demand: video1, video2, video3.

Domandona finale di una vittima un signore del pubblico: “si sono contento che i giovani usano questi strumenti, perchè sono utili, che se io telefono a mia zia in inghilterra per sapere come sta, mi dice che sta bene e io sono contento. Adesso con questi strumenti posso anche vederla che se c’ha un braccio ingessato e mi dice che sta bene, lo so che dice una bugia. Allora noi della mia generazione, confronto con i giovani, troviamo delle difficoltà nell’utilizzo, ma possiamo anche dire che se chiamo mia zia in australia per esempio è una cosa buona. Allora io dico che insomma alla gente però il mezzo ci piace e va bene, ma vuole anche guardarsi di persona e dire della pataccate per ridere che va ancora meglio. Grazie”.

Dato che il nostro umarell aveva perfettamente centrato il punto abbiamo annuito e dopo l’applauso di rito abbiamo spento la luce del tendone e ce ne siamo andati.

Una cosa però è da dire: la piadeeeeeina era buona e anche la salciccia e la pancetta della grigliata. OI CIO!