Milan Tour 2008 – Siamo quasi alla fine del viaggio

La prossima settimana si conclude la mia avventura con il Milan Tour 2008 dopo nove settimane in giro per l’Italia. E’ stata un’esperienza bellissima proprio perché completamente estranea ai miei interessi quotidiani. Una bella immersione in un mondo sconosciuto.

Le soddisfazioni non sono mancate, dato che i miei video hanno raggiunto circa le 15 mila viste a settimana e hanno presenziato il canale del Milan Channel su youtube con regolarità.

Nessuna paura, il calcio continua a non interessarmi e sarà molto difficile farmi entrare in uno stadio con entusiasmo. Questo video è uno di quelli che ha meno a che fare con il calcio e forse anche per questo mi fa piacere mostrarvelo. Buona visione.

Spigolature

Dopo molto tempo torno con un post di varie ed eventuali, senza un filo logico. Un po’ di fatti miei sparpagliati in tanti pezzettini.

In questo periodo sto tenendo un corso di GNU/Linux e faccio una lezione a settimana da 4 ore. Parlare per 4 ore di questioni tecniche è un delle cose più stancanti che io abbia mai fatto. A parte lavorare, intendo.

Uscendo dal corso alle 18 me ne sono venuto in spiaggia e adesso scrivo con i piedi nella sabbia e la brezza del mare nei polmoni. Questa l’ho scritta per i miei amici milanesi. So che apprezzate.

Dal 2010 sarà obbligatorio apporre l’impronta digitale sulla carta d’identità. Ridicolo pensare che sia questo a limitare la nostra privacy o determini la nostra schedatura. Tutto questo porterà solo una barca di nostri soldi nelle tasche di chi vince gli appalti per la fornitura delle costosissime apparecchiature di rilevamento. La schedatura è già in atto da tempo. Ognuno di noi ha un telefonino in tasca che raccoglie tutto, dalla nostra posizione geografica al grafico delle nostre relazioni sociali.

Rodotà è stato il miglior Presidente dell’Autohority per la protezione dei dati personali che abbiamo mai avuto. Punto.

Non capisco perchè tutti parlano di Iphone 3G come se stessero affrontando i grandi problemi dell’umanità. Inoltre tutti a scrivere perchè comprarlo o perchè non comprarlo.

Sempre meno blogger agli eventi. L’hype è finito. La gente ti invita ma non ti paga (alcuni si) e quindi molti si sono stufati di andare in giro per niente. Altri si accorgono che le aziende che ti invitano non hanno proprio niente da dire.
Poi le aziende si accorgono che la definizione “blogger” contiene tutto e niente. E l’impato dei blogger è sempre difficilmente misurabile. Così iniziano a coinvolgerli solo su commissione e solo con obiettivi.
Per quanto mi riguarda è meglio perchè il mio blog non è in vendita. Nè per un tramezzino, nè per soldi. Così preferisco offrire un prodotto, che sia parola scritta su commissione, che sia video per un cliente.

Su questo argomento tornerò presto, perchè adesso mi continuo a godere la brezza marina.

Eluana la stacchiamo o no? Chiedetelo al padre, non al prete.

L’ex boss di Guru è al gabbio. Salta fuori che è in astinenza da coca. Chi l’avrebbe mai detto?

Oggi diverse persone si sono congratulate con me o mi hanno chiesto informazioni sul fatto che il Milan si è comprata un nuovo giocatore. Che senso ha parlarne con me che non so neanche come funziona un giocatore di calcio? boh.

Esteticamente non cambia nulla ma l’aggiornamento a WordPress 2.6 è avvenuto con successo.

A volte, per caso, un blogger

Ciao

A volte per caso un blogger si trova in situazioni che non sa neanche lui come ci è arrivato. Poi ci pensa bene e si rende conto che il flusso degli eventi lo ha travolto talmente tante volte che continuare a meravigliarsi sembra quasi una falsa modestia.

Fatto sta che per un caso o per un altro sto seguendo il tour estivo di una importante squadra di calcio, io che di calcio non mi sono mai interessato. Per loro faccio proprio quello che mi piace fare. Faccio il blogger.

Nel senso più gioioso della cosa: amministro il blog del tour, faccio qualche video, tengo d’occhio i commenti, partecipo agli eventi, supporto il protagonista del blog nella redazione e pubblicazione dei post. Ogni tanto faccio anche delle foto.

Per adesso ho completato una delle 9 tappe cui prenderò parte e tutto sommato è stato divertente. Il ruolo che preferisco è proprio questo, vivere determinate situazioni come parte dello staff, piuttosto che come pubblico. Soprattutto quelle situazioni che normalmente non mi interesserebbero molto. Viste da dentro l’organizzazione diventano indubbiamente più stimolanti.

L’unico rammarico è che i video che produco non sono distribuiti liberamente sulla rete ma sono pubblicati su una piattaforma piuttosto chiusa che non consente, per esempio, di accedere con Firefox e con Mac. Peccato, sarebbe stato divertente farveli vedere tutti senza troppi problemi. Ad ogni modo li trovate tutto qui, dentro a Showtime. Inoltre sono disponibili i teaser che vengono pubblicati sul canale youtube del Milan. Questo è il mio primo teaser.

Grazie a Giovanni che mi ha tirato dentro e a tutti gli altri che prendono parte a questa divertente avventura, in particolare a Gegio che instancabilmente regge la scena per 7 ore consecutive sotto il sole.

Tranquillo tranquillo

Sto lavorando per una squadra di calcio e oggi mi trovavo a milano a fare alcune riprese video alla loro scuola calcio estiva.
Tutti sanno che tra me e il calcio c’è un abisso incolmabile ma anche oggi ho imparato una lezione. La potere imparare anche voi, guardando il video.