Categories
Filosofia

Il samurai nero

halloween mix

La prossima volta che decido di travestirmi da samurai nero per la festa di halloween mi devo ricordare un paio di cosette. Quindi le scrivo qui a futura memoria.

Prima di tutto se vado in un locale da ballo è assai probabile che sia caldo. Per cui mettere la maglietta, la casacca di tela grossa, i pantaloni di tela grossa, la cintura, l’hakama e gli anfibi può in effetti generare quel clima subtropicale che mi ha accompagnato per tutta la notte di ieri. La prossima volta si va in infradito.

Seconda cosa, se a casa ci metto venti minuti per infilare il doji, legare la cintura, mettere l’hakama, legare i lacci, come diavolo posso pensare di espletare una qualunque funzione fisiologica in un locale da ballo in meno di quaranta minuti primi? La vescica ringrazia la futura lungimiranza.

By Luca Sartoni

Team Lead at Automattic, WordPress contributor, co-organiser at WordCamp Europe, blogger, photographer, geek, nerd.

4 replies on “Il samurai nero”

Leave a Reply