buon noncompleanno a me!

mad hatter

E’ cosa buona e giusta, ricevere gli auguri per il proprio compleanno, più che per ogni altra ricorrenza. Se sotto Natale o Pasqua è piacevole fare gli auguri ed è altrettanto bello riceverli, in occasione del proprio giorno di nascita il livello di gioia sale di molto.

Principalmente perché non è una festa mainstream, ma è esclusiva e personale. Solo 100 persone su 36525 compiono gli anni proprio lo stesso giorno e quindi la probabilità di essere l’unico del proprio ristretto network sociale è abbastanza alta. Pertanto gli auguri saranno esclusivi e personali, oltre che unidirezionali.

Per questo motivo è bello scoprire quali persone si ricordano del tuo compleanno. Nei tempi passati si riceveva una telefonata o un biglietto ma adesso le email e gli sms vanno per la maggiore. Fino ad una decina di anni fa, con il fatto che la gente non usava ical o google calendar, ricevere una telefonata era la prova indiscutibile che qualcuno si era ricordato del tuo compleanno.

Poi sono arrivati i calendari sui telefonini della Nokia, che non nascondo di essere stato uno dei pionieri utilizzatori per scopi compleannici. Ma almeno dovevi sbatterti per inserire le ricorrenze esatte dei tuoi amici e in un qualche modo avevi speso tempo per colui che andavi a messaggiare allo scoccare della mezzanotte.

Adesso però ci sono facebook, skype, myspace e tutti gli altri servizi che automatizzano tutto il processo. Il risultato è che non è necessario ricordarsi nulla. A dire il vero non è necessario neanche essere amici perché le notifiche vengono inviate automaticamente.

Pertanto il giorno del tuo compleanno tutti si ricordano di te e lo fanno sapere per sms, email, messaggi su facebook ecc. Ma tu lo sai che il 90% di quei messaggi è automatico. E quindi come fai a sapere chi pensa a te veramente, chi delega alla tecnologia l’azione di reminder e chi addiritura automatizza tutto il processo?

Inoltre, come fai, quando sei dall’altra parte, a differenziarti dalla massa di auguri che il povero festeggiato si trova a ricevere il giorno del suo compleanno? Inviare il messaggio a mezzanotte non è più fighissimo come lo era 10 anni fa, proprio per i motivi di cui sopra: lo fanno tutti.

Vi propongo un modo figo che ho sintetizzato in questi giorni. Si fanno gli auguri in anticipo di un paio di giorni, sbagliando data di proposito. Fingendo platealmente di essere convinti di essere nel giusto, naturalmente. In questo modo il compiente gli anni vi spiegherà che vi siete sbagliati e che siete in anticipo ma voi potrete sempre dire che vi ricordavate il periodo ma non il giorno, oppure che eravate realmente convinti che il suo compleanno era proprio quel giorno lì. La sua gioia sarà comunque autenticamente sollecitata.

In questo modo nessuno potrà mai sospettare che avete usato il reminder di facebook, perchè quello mica si sbaglia! E tutta la vostra fatica si concentra sull’anticipare le impostazione di reminder dei vostri calendari preferiti.

Tutto questo per dire che domani compio 28 anni, tanti auguri a me (con un giorno di anticipo), e che alcuni amici mi hanno già fatto gli auguri inscenando la pantomima che ho appena descritto. I casi sono due, o la mia idea non è innovativa, oppure da qualche parte ho sbagliato ad inserire in mio compleanno in uno dei miei millemila account duepuntozero.

By Luca Sartoni

Team Lead at Automattic, WordPress contributor, co-organiser at WordCamp Europe, blogger, photographer, geek, nerd.

16 comments

  1. Sei molto fotogenico qui devo dire.

    Comunque aspetto domani (tanto la notifica di skipe non manca un colpo) 😉

  2. Buon compleanno per domani!
    (ti faccio gli auguri oggi perché se te li faccio domani sembra che me l’abbia ricordato facebook)

  3. Ciao Luca,
    allora non mi resta che farti gli auguri di buon compleanno. non ci conosciamo, ma non importa, il tuo post mi ha incuriosito, in fondo tutto questo mondo diventa sempre piu automatico e noi diventiamo sempre piu automatici……………allora tutta la nostra “RaM” cerebrale diventa in eccedenza, a noi serve piu quella dei computer, sempre piu performanti e potenti che per te fanno tutto, ma serve molta memoria per essere sempre piu efficenti e veloci. non possiamo mica cedergli un pò della nostra? non funzionerebbe, non sono compatibili,per loro hanno bisogno della nostra per funzionare meglio…………….come operazione di marketing la tua “pensata” sarebbe davvero sopra le righe.
    M.

  4. … a dirla tutta, Luca, Facebook ti comincia a ricordare qualche giorno prima quando sarà il compleanno dei tuoi amici … quindi forse è ancora più autentico farteli dopo gli auguri (ma io per star tranquilla te li ho fatti oggi 😉

  5. Deja vu. Il mio compleanno sarà domani (31/05), ma parecchi amici “virtuali” mi stanno facendo gli auguri già da una settimana, a quanto pare indotti in errore da uno Skype più fumato del solito (nonostante nel mio profilo la data sia indicata correttamente). E grazie a Dio su Facebook mi sono cancellato da parecchio.

    In ogni caso, è vera la sensazione che descrivi: io non so mai chi mi sta facendo gli auguri perché se lo ricorda e ci tiene davvero, e chi me li sta facendo grazie a Skype o a Outlook o a Facebook. Anzi lo so. Infatti, delle persone a cui tengo davvero, quasi nessuna usa quegli strumenti. Ed al contrario, le persone che se ne fregano altamente di me, gli auguri non me li fanno nemmeno se è Skype a ricordarglielo. O almeno così dovrebbe essere.

    A proposito, BUON COMPLEANNO!!! 😛

  6. CIAO LUCA!! Oggi compio gli anni anch’io!! però ho ben 2 anni più… sono entrato nella categoria degli ..enta

    Mi hai riconosciuto verò!?

    Alla prossima, ciaoooooo e auguri a noi

Leave a Reply to gualtiero Cancel reply