Girl Geek Delirio

Quest’opera meravigliosa mi giunge da un’anonima sistemista (che per rispetto delle privacy chiameremo SaraR, anzi no… facciamo S.Rosso e che abbiamo anche provveduto a linkare) facente parte dell’universo delle girl geek italiane.

L’opera si intitola “Michelangelo: l’opera persa di Shakespeare” e narra il dramma di un server giunto alla fine della propria vita a causa della mancanza di storage. Vi anticipo che il finale non è adatto ai geek troppo sensibili e vi invito pertanto a munirvi di fazzolettini da naso per asciugare le lacrime. Ecco il testo integrale:

Michelangelo: l’opera persa di Shakespeare

ACT 1

CORO: Michelangelo è pieno! Michelangelo è pieno! Orrore! Non possiamo lavorare!
M: quelle horreur! sono pieno.
S: Vediamo se possiamo fare qualcosa….Heineken? (25GB)
H:
S: Nestle?? (47GB)
N: ….
S: IBM?? (72GB)
IBM: Si! Non c’è più la Cate, quindi archiviami!! Meh, solo una parte, però.
S: Siiiii…. Vado!

(27GB più tardi)

S: Michelangelo, adesso sei a posto per almeno un paio di mesi! Che lavoro! Bravi! Lavorate tutti! Che gioia!
CORO: ….. (lavorono)

ACT 2

(2 settimane dopo)

CORO: Michelangelo è pieno! Michelangelo è pieno! Come mai? Siamo fermi! Aiuto!!
M: Non avevi appena svuotato 27GB di spazio a fine febbraio?
S: Si.
M: E adesso sono di nuova pieno?
S. Beh, si.
M: La gente veramente non frega nulla di me fincchè sono piena e non possono salvare il loro documento!
S. Non è vero! Spesso tolgono i file quando sono richiesti, non mettono piu i mp3, o i video di vacanza dell’estate…mm, quasi. Sono bravi e ti vogliono bene!
M: No! My time has come. Sono stanco.
S: No! Troveremo lo spazio!! Guarda, chiedo a tutti di fregarsene questa volta!
M: Ormai sappiamo tutti che non potevo andare avanti per sempre. Ogni macchina ha il
suo giorno. è oggi, è arrivato il mio.
S: No!
M: Arrivederci, Sara. Arrivederci a tutti i miei utenti. La vità è breve e lo spazio non è illimitato. Ciao.

(Si stacca dal rack e si butta giu.)

S: Noooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo.

CORO: Un altro perso. Solo se trovavamo lo spazio prima…e cancellavamo i nostri file.

Che dire, un finale struggente ed un’opera davvero magistrale. Per tutti coloro che non credevano anche alla GGD ci fossero delle vere geek ma solo tantissime gnocche…

By Luca Sartoni

Team Lead at Automattic, WordPress contributor, co-organiser at WordCamp Europe, blogger, photographer, geek, nerd.

4 comments

  1. Tristezza la cena eh? Lo sapevo che alla fine ci son sempre gli/le stessi/e…che invitano sempre gli stessi!
    :PPP

    NB= in effetti di gnocche qui non se ne trova… :(((

Leave a Reply